mercoledì 7 dicembre 2016

RECENSIONE: "Io sono buio" di Kiersten White

Buongiorno!
Iniziamo la giornata con questo primo post, la mia recensione di una nuova uscita YA firmata Fabbri Editori, che mi ha conquistata per la sua originalità!




Titolo: Io sono buio
Autrice: Kiersten White
Casa editrice: Fabbri
Data d'uscita: 24 novembre 2016
Prezzo: €17,00 (ebook €6,99)

TRAMA

Una principessa non dovrebbe essere brutale. Ma Lada, figlia di Vlad Dracul, è diversa da ogni altra: affamata di potere fin da piccola, preferisce la lotta e i coltelli alle bambole. L’esatto contrario del fratello Radu, dolce, bellissimo e delicato come un bocciolo di rosa. Quando i due vengono lasciati in ostaggio dal padre, ancora bambini, al sultano dell’Impero Ottomano – prigionieri di un sovrano crudele e sottomessi a una cultura completamente diversa dalla propria – Lada inizia a progettare la sua spietata vendetta. Mentre la ragazza si prepara a combattere, il figlio del sultano Mehmed si mette tra lei e il fratello, spingendoli a diventare rivali. E in questo triangolo avvelenato forze potenti tendono gli animi: desideri di riscatto, gelosie tremende e un’ambizione sfrenata. Avvolta in un vortice di passioni turbinose, Lada si troverà di fronte alla scelta più difficile: portare a termine il suo piano o arrendersi all’unico nemico che forse non è in grado di sconfiggere, l’amore. 


La trilogia "The Conquerer's Saga":
1. Io sono buio (And I Darken)
2. Now I Rise (in America dal 27 giugno 2017)
3. Untitled



RECENSIONE

Ho scoperto questo romanzo grazie ai lettori americani, che non facevano altro che parlarne e lodare la cover (che fortunatamente la Fabbri ha mantenuto *-*), ma non mi ero mai soffermata a leggerne le recensioni. Tutto ciò che sapevo di questo romanzo era che la protagonista era la personificazione femminile di Vlad L'Impalatore. Mi aspettavo un fantasy, e invece leggendolo ho scoperto essere un romanzo storico YA. Nonostante ciò, mi è davvero piaciuto, e ora vi spiego perché, ma prima due parole sulla trama.


Il romanzo segue le vicende di Lada e Radu, due fratelli, figli del principe di Valacchia, dalla loro nascita. Nei primi capitoli, infatti, possiamo sbirciare la loro infanzia e capire subito che dal punto di vista caratteriale sono uno l'opposto dell'altra. Lada sin da bambina è sempre stata "cattiva": dire che era un maschiaccio non è sufficiente, perché lei era proprio una bambina violenta con un animo forte e combattivo. Radu, dall'altra parte, era docile, calmo, forse debole dal punto di vista fisico, ma abile nel farsi degli amici e nelle capacità di persuasione. 
Quando i due hanno circa 11-12 anni, il padre è costretto a cederli all'impero ottomano per poter continuare a governare sulla Valacchia, e da quel momento il lettore segue le loro avventure nella capitale turca fino a quando hanno circa 16 anni. Qui diventano amici di Mehmed, il figlio del Sultano, e se da un lato Radu abbraccia la fede mussulmana e la sua nuova vita, Lada non dimenticherà mai la sua madre patria, la Valacchia. 


Il motivo principale per cui mi è piaciuto questo romanzo è proprio perché l'ho trovato diverso dagli altri: non rispecchia i soliti cliché, la protagonista è veramente badass, ma non come le altre eroine che abbiamo imparato a conoscere, Lada è proprio diversa, perché a volte sembra che non ami nessuno (anche se vedremo che non è proprio così) se non la sua terra. E per una volta, la protagonista non è la solita gnocca che non sa di esserlo: Lada viene descritta più volte e da più personaggi come brutta, a differenza del fratello che è detto "il Bello".
Ho apprezzato molto anche il personaggio di Radu e soprattutto la sua crescita dall'inizio del romanzo. Avrei voluto, invece, poter leggere anche il punto di vista di Mehmed, che mi è piaciuto, ma non sono riuscita a inquadrarlo fino in fondo, e sapere cosa gli passa per la testa mi avrebbe aiutata. Magari nel prossimo libro, chissà! 


Essendo il primo romanzo dell'autrice che leggo, non posso comparare il suo stile con quello dei suoi libri precedenti, ma tutto sommato posso dire che sono soddisfatta: nonostante sia un romanzo lunghettto, la White ha saputo farmelo apprezzare e divorare in poco tempo, ed è riuscita anche a trattare molto bene di temi come la religione e l'omosessualità. Mi è piaciuto il modo in cui ha trasformato un famoso personaggio storico in una ragazza, penso che sia un'idea geniale, e sono davvero curiosa di vedere come proseguirà la storia. Peccato che in inglese il romanzo uscirà a fine giugno 2017, perciò ci toccherà aspettare molto :(

Romanzo consigliato per chi è in cerca di qualcosa di originale o di un romanzo storico per ragazzi!



Il mio voto:





Che ne pensate? L'avete letto? Lo leggerete? Fatemi sapere :)

A presto,
Silvy

5 commenti:

  1. Bellissima recensione, Silvy :D ♥

    RispondiElimina
  2. Sarà assolutamente una prossima lettura! *___*

    RispondiElimina
  3. Molto soddisfatta anche io, anche ci ho messo 200 pagine a capire che non era un fantasy xD

    RispondiElimina
  4. Ciao Silvy ho sospeso la lettura del libro ma grazie alla tua recensione lo riprenderò al più presto!

    Grazie

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...