lunedì 30 novembre 2015

RECENSIONE: "Corrupt" di Penelope Douglas

Buondì!
So che dovevo pubblicare questa recensione sabato, ma non ce l'ho fatta, perciò la potrete leggere adesso :P
Si tratta di un romanzo dark romance, o dark erotic, uscito negli Stati Uniti il 17 novembre e per ora non si sa se verrà portato anche da noi, soprattutto per il fatto che l'autrice l'ha pubblicato come self.




Titolo: Corrupt
Autrice: Penelope Douglas
Genere: Dark | Erotica | Contemporary Romance
Data d'uscita (inglese): November 17, 2015


AMAZON (BROSSURA, €15,45)
AMAZON (EBOOK,€3,72)


TRAMA

Erika

Mi hanno detto che i sogni sono i desideri del nostro cuore. I miei incubi, tuttavia, sono diventati la mia ossessione.
Il suo nome è Michael Crist.
Il fratello maggiore del mio ragazzo è come quel film dell'orrore che guardi sbirciando da dietro la mano. Lui è bello, forte, e completamente spaventoso. La star della squadra di basket del suo college e ora professionista, è più preoccupato della macchia sulla sua scarpa che di me.
Ma io l'ho notato.
L'ho visto. L'ho sentito. Le cose che ha fatto, e le azioni che ha nascosto…Per anni, mi sono mangiata le unghie, incapace di guardare altrove.
Ora, mi sono diplomata e trasferita al college, ma non ho smesso di guardare Michael. E' cattivo, e ciò che di brutto ho visto non è più contento di stare nella mia testa.
Perchè lui mi ha finalmente notata.

Michael

Il suo nome è Erika Fane, ma tutti la chiamano Rika.
La ragazza di mio fratello è cresciuta girando per casa mia e cena sempre alla nostra tavola. Abbassa lo sguardo quando entro in una stanza e si blocca quando sono vicino. Riesco sempre a sentire la paura fuoriuscire da lei, e mentre non ho avuto il suo corpo, so di avere la sua mente. Quello è tutto ciò che voglio, comunque.
Fino a quando mio fratello non parte per il servizio militare, e trovo Rika da sola al college.
Nella mia città.
Senza protezione.
L'opportunità è troppo bella per essere vera, così come il tempismo. Perchè vedete, tre anni fa ha fatto rinchiudere in prigione alcuni miei amici del liceo, e ora sono stati rilasciati.
Abbiamo aspettato. Siamo stati pazienti. E ora tutti i suoi incubi diventeranno realtà.


RECENSIONE

Erika Fane ha finalmente la possibilità di vivere da sola: niente famiglia, niente ex-fidanzato, niente amici che la tengono d'occhio. Può finalmente dimostrare di sapersela cavare, nonostante sia molto ricca e suo padre sia stato molto potente. Ma non aveva calcolato che Michael, il fratello del suo ex, che lei ha sempre amato, ma che non l'aveva mai guardata (se non per disprezzarla) è lì ad aspettare il suo arrivo, e non è da solo. Dopo 3 anni di prigione, i migliori amici di lui, Kai, Will e Damon sono tornati e tutti insieme sono determinati a farla pagare a colei che li ha traditi e fatti arrestare.



Come vi avevo già accennato quando vi ho presentato il romanzo (QUI), non sono molto abituata a leggere questo genere letterario, per me era un po' una sfida. E devo dire di averla superata, perché mi è piaciuto molto. L'ho trovato coinvolgente, non banale e accattivante, insomma, ottimo per staccare un paio di giorni.
Rika è una protagonista forte e determinata a imparare a cavarsela da sola, senza l'aiuto (economico e non) della famiglia e degli amici, per dimostrare di essere capace di far qualcosa per conto suo, di essere qualcuno a parte il suo cognome. Essendo i capitoli alternati per gran parte del libro (si alternano gli avvenimenti presenti con quelli avvenuti 3 anni prima) conosciamo sia la Rika adolescente, un po' ingenua e anche un po' immatura, sia quella attuale più caparbia e sicura. 
Michael è molto simile a Rika caratterialmente perché anche lui ha questo desiderio di essere chi vuole essere, di libertà e indipendenza che gli permetterebbero di non nascondersi, ma di mostrare il vero se stesso. Di lui mi è piaciuto il fatto che all'inizio possa sembrare l'antieroe di turno, ma che poi si dimostra essere solo un po' più vulnerabile e non abile ad accettare i sentimenti che prova. 
Tra gli altri tre fanciulli, ho senz'altro apprezzato Kai e Will: il primo per la sua sincerità ad ammettere che non sta bene, il secondo per come si dimostra Fedele ai suoi amici.
Damon è un un altro discorso: mi è piaciuto come personaggio, nonostante sia quello più cattivo, perché è coerente con se stesso, per tutto il libro segue i suoi piani ed ha un motivo, anche se folle, per fare ciò che fa. È stato curioso!
Non mi sono piaciuti, invece, Trevor (il fratello di Michael ed ex-ragazzo di Rika) e il padre dei fratelli Crist, li avrei uccisi entrambi! Sono pazzi e viscidi. Però ho trovato interessante Alex, la ragazza che per lavoro fa la prostituta per pagarsi gli studi e che diventerà amica di Rika.
Spero davvero che l'autrice deciderà di scrivere altri libri sugli altri personaggi: per il momento sta solo considerando l'idea, dopo le vacanze natalizie deciderà che storia scrivere prima (se puntare su un romanzo completamente nuovo, o su un altro libro con i nuovi personaggi della serie Fall Away, o un altro sui personaggi di Corrupt).



La parte "dark" del romanzo è presente, ed è il motivo per cui non consiglierei la lettura a coloro a cui la violenza e il sesso un po' esplicito danno fastidio, ma in realtà leggendo la trama mi aspettavo di peggio di quello che è in verità, e ritroviamo anche qui lo stile scorrevole della Douglas, che avevo adorato nella serie new adult "Fall Away". Probabilmente uno dei motivi per cui mi è piaciuto il romanzo, nonostante il genere, è proprio perché l'ha scritto lei. Ovviamente questo non è un new adult, perciò non aspettatevi una copia della serie Fall Away, ma il suo stile ha saputo comunque infondermi quella fiducia che avevo provato con gli altri suoi romanzi (ormai considero la Douglas una delle mie autrici new adult e romance preferite).



Anche se alla fine il romanzo non mi avesse soddisfatta (cosa fortunatamente non vera) sarei stata comunque contenta di averlo letto, perché mi ha permesso di uscire un po' dalla mia "comfort zone" di lettura, e vorrei sfidare anche voi a farlo, non per forza leggendo questo libro, ma qualsiasi genere a cui di solito non vi dedicate. Credo che sia un'esperienza da provare per poter giudicare meglio e aprire la mente su altri mondi esistenti. Che alla fine è il motivo per cui esistono i libri.


Il mio voto: 4 rune



Che ne pensate? Lo leggerete? :)

Alla prossima,
Silvy

8 commenti:

  1. Ciao Silvy...la Douglas piace molto anche a me, quindi mi hai sicuramente incuriosita, anche se questo non è esattamente il mio genere...ho appena finito il libro di Pepper Winters...e non mi è proprio piaciuto :(
    Ma...mai dire mai, se dovessero portarlo in Italia ci farò un pensierino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto niente della Winters, quindi non so com'è, ma se questo dovrebbe arrivare in Italia, io ti direi di tentare ;)

      Elimina
  2. Ciao! Adoro la Douglas, ma il dark romance per me è un limite e anche se in parte sono incuriosita del libro proprio perché è suo, dall'altra non sono certa di volerlo leggere. Ho provato il genere con altre autrici e davvero non riesco ad accettare la parte violenta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il tuo punto di vista, è ovvio che ognuno ha dei limiti che preferisce rispettare :) Magari tra un po' vorrai tentare comunque perché l'autrice ti piace ;)

      Elimina
  3. Questa recensione mi ha molto incuriosito! Se arriverà in Italia ci farò un pensierino, anche perché mi piace come scrive la Douglas!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti incuriosito, speriamo che prima o poi arriverà anche da noi :)

      Elimina
  4. Amo questo genere, ma i romanzi che davvero mi intrigano sono molto pochi... Su questo avevo puntato l'occhio, ma ho idea che sia leggermente troppo soft per me :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora letto i tuoi romanzi, ma avendone sentito parlare immagino che rispetto ai tuoi questo possa essere un po' più soft :D Però io un tentativo glielo darei ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...